da Alesund a Trondheim

Decimo giorno di viaggio

 

Oggi ancora emozioni alla volta della misteriosa strada dei Trolls. In alternativa, in direzione Trondheim potevamo scegliere di percorrere la Strada dell'Atlantico, ma alla fine abbiamo deciso per i simpatici trolls. La Trollstigen è una strada in alta quota, a tratti innevata, composta da 11 tornanti che scendono a valle. All'inizio del percorso ci dà il benvenuto una serie di casette adibite alla vendita (manco a dirlo) di trolls e pelli di alci e renne. A queste devo purtroppo rinuciare per non litigare con la mia dolce metà, che naturalmente è molto sensibile agli animali.

Più avanti c'era una lunga fila di mezzi in sosta, specie camper, e polizia norvegese, e non capiamo assolutamente nulla di ciò che ci dicono. Passeggiamo a piedi nei dintorni e scorgiamo un pullman bloccato nella curva di un tornante (v. galleria fotografica). Invano si cercava di sboccare il mezzo! Approfittiamo dell'attesa per percorrere, in compagnia di altri motociclisti e camperisti, i sentieri sospesi lungo la Trollstigen e ammirarne il fantastico paesaggio sottostante.

Finalmente il traffico si sblocca e proseguiamo per la discesa, bella ma niente affatto paurosa come lo era stata quella di Geiranger.

A bassa quota il paesaggio ritorna verde e fiorito, e un ulteriore imbarco ci attende. trools.jpg

.......

Arriviamo un po' stanchi a Trondheim, città anseatica, definita la città del sapere per le sue università e gli istituiti di ricerca, e cerchiamo subito un albergo. Troviamo posto all'hotel Scandic, del quale possiamo solo dire bene. Devo avvertire i visitatori che questa città è controllata quasi metro per metro dagli autovelox, in centro nascosti dappertutto, e il nostro Gps non faceva che suonare ininterrottamente! Attenzione dunque ai terribili congegni.


Facciamo il giro serale della città cominciando dal mercato, bancarelle con ogni sorta di cose, anche alimentari; ammiriamo la bella piazza con la statua di Olaf il santo, al centro di una gigantesca meridiana e alta ben 18 metri, e prendiamo nota degli orari della Cattedrale che visiteremo l'indomani. Trattandosi di un bel monumento lascerò che sia mia moglie a parlarvene, a lei è piaciuta tantissimo. Per quel che mi riguarda, anche oggi, dopo tanta strada, mi concedo il meritato riposo.


Nota: in piena notte ho scostato le tende e ho visto la città, deserta, in piena luce; l'effetto era surreale.

 

 

sole a mezzanotte

 
ESTA
 
 
Go to Top