NordKapp 71° 10' 21'' N

Meraviglioso

 Questo è il racconto di un viaggio meraviglioso ed affascinante, lungo, pieno di attese, mistero e fatica, ma è il mio ricordo più bello. Tanto atteso e forse arcano, perché in fondo avevo sempre voluto andare a Capo Nord.

Translate



Quarto giorno

20 giugno 2007

da Billund a Goteborg

 

 

Appena sveglio, nel bellissimo albergo di Billund. Esco fuori a respirare l'atmosfera della Danimarca. Prima "vera" colazione continentale nella grandissima sala breackfast. Ovviamente c’era di tutto, dalle uova strapazzate alle piadine, e non mancavano mai i wurstel, ma il latte era sempre nelle macchinette e il caffè inesistente. Indefinibile però una frittata dolce anziché salata.

Abbiamo consumato comunque una piacevole colazione; la sala era tutta vetrata e diffondeva tantissima luce dal giardino, oltre alle tante candeline; eravamo circondati da tanti marmocchietti, a dire il vero, molto silenziosi, e certamente tutti diretti a Legoland.

Sistemiamo le valigie comodamente nel bagagliaio della macchina, facciamo un po’ di pulizia (sono molto disordinato!) e ci dirigiamo verso Legoland.

Usciti dall’albergo non facciamo neanche 3 Km quando incontriamo subito il parcheggio per il parco divertimenti. Iniziano subito le comiche (!) per il pagamento del ticket, ma grazie all’aiuto di un signore del posto abbiamo pagato inserendo corone danesi in una apposita macchinetta, dal funzionamento per noi incomprensibile, e ci siamo diretti verso l’ingresso.

legoland.jpgC’era moltissima gente, e siamo rimasti subito allibiti dalla genialità di coloro che hanno costruito il parco (v. galleria fotografica). Erano riprodotti con i mattoncini Lego città come Bergen, Amsterdam, Copenhagen, personaggi dello spettacolo, animali, ecc.

Abbiamo fatto un giro su delle spettacolari montagne russe, ma c'erano anche scivoli nell'acqua, giostre, labirinti, un castello medievale a grandezza naturale nello stile Lego, spettacoli con cabarettisti, insomma un vero paradiso per i bambini e un piacere per noi adulti nell'ammirare la cura, i fiori, i colori del parco. Ci sentiamo dunque di consigliare a tutti una visita da queste parti, anche perchè c'è un aereoporto dedicato a Legoland proprio qui vicino.

 

Dopo aver visitato il parco ci dirigiamo verso Frederikshaven e percorriamo 292 Km. Appena arrivati, con molta fortuna riusciamo ad individuare l’ingresso del porto per l’imbarco, (molto canalizzato) verso Goteborg (Svezia)e a trovare subito la nave in partenza.

Eravamo molto felici perché era la prima volta che prendevamo una nave così grande con la macchina, e, con molta emozione per la novità della traversata che ci attendeva, iniziamo a salire. La nave era bellissima, aveva internamente ristorante, servizi, bar, fast food, ecc. e per noi è stata come una piccola crociera. La mia mogliettina era emozionatissima nel vedere la nave partire con tutta la scia spumeggiante che lasciava dietro di sé.

Sulla nave ci siamo seduti a poppa, e il sole ci baciava insieme alla brezza tiepida. Abbiamo chiacchierato con uno studente italiano diretto a Stoccolma , mentre gli altri passeggeri erano in gran parte tedeschi. Dopo circa due ore di navigazione abbiamo iniziato a vedere i primi fiordi e devo ammettere che è stata una bella esperienza………..Oltre mezz'ora di attraversamento del mare tra rocce e isolotti; sullo sfondo tantissime barche a vela nelle insenature.
gote.jpgArrivati a Goteborg ci mettiamo alla ricerca di un albergo al centro della città, ma i lavori in corso sulle strade mandavano Paola (navigatore) in tilt.Un po' spazientiti per aver girato in lungo e in largo senza riuscire ad arrivare agli indirizzi inseriti nel navigatore, decidiamo di uscire dalla città e appena lasciata Goteborg troviamo un albergo della catena Quality, molto accogliente ed in stile anni '70.

Avevamo tantissima fame, così, anche se era tardi, siamo andati al ristorante dell’albergo. Non dimenticherò mai quella sera svedese, perché è stata la cena più prelibata del viaggio. Abbiamo mangiato un carne squisita con una deliziosa salsetta e, con somma meraviglia, piselli con le bucce che noi qui buttiamo. Favoloso.


E' stata un’altra bellissima giornata piena di soprese. Andiamo a letto con l’emozione crescente di visitare il giorno dopo la prima capitale (Oslo).

 

 
Free Joomla Templates